lunedì 1 agosto 2011

Memorial Diego Macias......Grandi Tigrotti!


Fast triathlon:
Domenica 31/07 sul Lungolago di Omengna
I Tigrotti

all'uscita dal Lago



3 Manches ( 200mt. nuoto + 3 km. bici + 900 mt. corsa) con una pausa di pochi minuti tra una e l'altra...........
Mattia a nuoto è stato incredibile, 4^ o 5^ tutte le volte dietro ai grandi.


in bici
  











in bici ha cercato di tenere, quasi sempre in solitaria 
al cambio

Mattia e Alberto
di corsa in si è dato da fare, eccolo con il suo amico Alberto!
Sesto  alla fine della 1° Batteria ( unico della sua età) anche Alberto si qualifica per la finale ( 300mt. nuoto + 4,5 km. bici + 1200 mt. corsa) che si disputa nel pomeriggio e dove partecipano i primi 8 delle 2 Batterie.
Mattia e Alberto sono gli unici "piccoli" classe 1997 e 1996 in mezzo a uomini e ragazzi certamente più prestanti...............ma si fanno valere e IO NE SONO VERAMENTE ORGOGLIOSA!!!
Bella giornata e grande collaborazione da parte di tutti.

10 commenti:

franchino ha detto...

Saranno piccoli ma questi tigrotti hanno un gran mordente! Bravi!

Kikko ha detto...

Grande Mattia!!

fathersnake ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
fathersnake ha detto...

Sono da ammirare,le fatiche di questi ragazzini, tenendo presente che tanti,troppi loro coetanei passano il tempo a smanettare sui controller delle playstation ed xbox.

Luca ha detto...

Bravissimo Mattia e giustamente orgogliosa la sua mamma!

Oliver ha detto...

Bravo Mattia! La mamma si è impegnata e si vede!

Pimpe ha detto...

son passato per un lento e mi son fermato alla premiazioni.. cosi' gli ho fatto i complimenti! bravo Mattia!!!!

Furio ha detto...

Un peccato non esserci stato!

Patty ha detto...

@Father: è proprio la fortuna maggiore che ho infatti!!!!
Grazie a tutti.
La cosa che più conta è che sia una sua scelta, nessuna costrizione se non il buon esempio che noi genitori sicuramente gli diamo!!!

stefanoSTRONG ha detto...

tutto quadra con le ultime tre righe di commento che hai scritto. Leggendo la biografia di agassi si capisce quanta tristezza ci sia invece a scelte sportive forzate dai genitori. Brava Patty!